Sali a bordo – Open Call 2021

 

Attenzione – la call si è conclusa e tutte le persone che hanno presentato una candidatura verranno contattate. Segui i nostri profili social per sapere quando riapriremo la call.

Grazie!

Il dramma del Mediterraneo continua a mostrare il suo volto di orrore e morte: dall’inizio dell’anno si contano già a centinaia le donne, gli uomini e i bambini morti per naufragio e migliaia sono le vittime di catture in mare e deportazioni nei campi di detenzione libici, gli stessi dai quali, disperatamente, tentavano di fuggire.

Di fronte a questa situazione, che dura da oltre un decennio, tutto si può dire fuorchè che essa sia frutto di una tragica fatalità: politiche improntate al respingimento degli esseri umani che migrano, costrettə dai cambiamenti climatici, dalle guerre e dalla miseria, da dittature e violenze, da discriminazioni e impossibilità di vivere una vita dignitosa, hanno creato la più terribile e strutturale operazione di “omissione di soccorso” che si sia mai vista dal dopoguerra ad oggi. Omissione di soccorso consapevole, lucidamente pianificata e anche politicamente rivendicata che gli Stati dell’Unione Europea hanno articolato su due grandi fronti: il mare e la terra.

In mare, con la decisione di ritirare ogni programma di salvataggio dopo “Mare Nostrum”, che con assetti militari impediva la strage. In terra, attraverso il finanziamento del sistema di imprigionamento, cattura e deportazione delegato alle milizie libiche, di fatto esternalizzando in maniera disumana ed illegale, il confine sud dell’Europa.

Per questo Mediterranea, insieme a tutta la Civil Fleet composta dalle altre Ong di molti paesi europei, ha deciso di continuare ad essere in mare con una propria nave, e di continuare a denunciare ciò che accade nell’inferno libico.

Abbiamo percorso due anni di navigazione con la nostra “Mare Jonio”, unica nave del soccorso civile battente bandiera italiana.

Ci stiamo preparando adesso a varare una nuova nave SAR (Search and Rescue), un assetto più avanzato per le operazioni di ricerca e soccorso in mare e più adatto a sostenere la navigazione anche con condizioni meteomarine difficili. È uno sforzo enorme, che riusciremo a sostenere solo con l’aiuto di tuttə, come sempre.

Anche per questo lanciamo questa open call per formare i nuovi equipaggi di mare per le missioni 2021, composti sia da professionisti che da volontari.

Compilando i moduli disponibili qui sotto sarà possibile indirizzare la propria candidatura ed essere selezionatə per una prima formazione.

Attenzione: utilizzate solo questo canale per candidarvi!

Grazie e a bordo!

Logista / Logistics

Marittimo / Seafarer

Rescue team

Accoglienza / Guest team

Sanitario / Medical Team