MEDreport Giugno 2022


a cura della redazione del MEDreport

Nel mese di giugno il numero di persone che si sono ritrovate costrette a fuggire, ad attraversare il Mediterraneo e che sono riusciti ad arrivare in Italia è pari a 8.008. Tra questi, vi sono 763 minori non accompagnati. Anche questo mese l’instancabile lavoro della navi umanitarie ha permesso di poter salvare centinaia di vite umane. Al contempo, tuttavia, una costante opera di intercettamento ad opera della cosiddetta Guardia costiera libica ha brutalmente interrotto i tentativi di tante persone di poter trovare un futuro migliore.

Un approfondito lavoro di ricerca di Matteo Villa, per conto di ISPI, ha dato l’ennesima conferma dell’inesistenza del valore del pull factor: dal giugno 2021 ad oggi l’86% degli arrivi via mare è autonomo. Al contempo, possiamo vedere come il numero di persone sbarcate dal Mediterraneo nello stesso periodo è pari a circa 75.000: la metà di quelle in fuga dall’Ucraina e giustamente accolte in Italia.

Davvero possiamo continuare a parlare di “emergenza sbarchi”? Anche quest’anno l’hotspot presente nell’isola di Lampedusa è allo stremo: numeri prevedibili, ma che costantemente dimentichiamo. La colpa non può essere di chi arriva, bensì di una gestione politica che, per opportunismo o disinteresse, continua a ignorare le realtà migratorie.

Qui il report completo del mese di giugno 2022 (link per il download):

Questi dati sono elaborati sulla base delle informazioni fornite dal Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno. I dati si riferiscono agli eventi di sbarco rilevati entro le ore 8.00 del giorno di riferimento.