MEDReport 03 – 07 febbraio 2021 – Soccorsi, respingimenti e naufragi.


di Eleana Elefante

L’ultima settimana nel mediterraneo centrale.

 

Secondo il Dipartimento di Pubblica Sicurezza, dall’inizio dell’anno all’8 di febbraio, sono 1758 i migranti sopraggiunti sulle nostre coste dal Nord Africa. Nei giorni fra il 3 e il 7 febbraio, però, si sono registrati molti più casi, stimabili in circa 2991 persone partite dalle coste libiche, fra cui 1956 respinte, 543 salvate in diverse operazioni dalla Ocean Viking di SOS Mediterranee e da Astral di Open Arms e 492 arrivate autonomamente a Lampedusa. Il tutto, in concomitanza della scadenza del quadriennale accordo Italia-Libia (2 febbraio 2017/2 febbraio 2021).

 

 

Nella prima settimana di Febbraio, sono stati molteplici i soccorsi e gli arrivi autonomi sulle nostre coste, con diverse segnalazioni di naufragi e di dispersi, nonché di sciagurate intercettazioni e respingimenti ad opera della cosiddetta “Guardia Costiera” libica.

Nel mentre è in corso il trasferimento al Porto di Augusta di 422 naufraghi soccorsi dalla Ocean Viking di SOS Mediterranee, proviamo a tracciare il bilancio di ciò che è dato sapere sugli ultimi avvenimenti del Mediterraneo centrale, caratterizzati da un elevato numero di migranti partiti dalla Libia e dalla Tunisia.

Di seguito la ricostruzione cronologica di quanto si è potuto accertare:

3/02/2021

  • La “Guardia Costiera” libica (PB P-300), intercetta e riporta a Tripoli 179 persone in due separate operazioni. Fra loro 14 donne e 5 minori;
  • La “Guardia Costiera” libica (Ship Fezzan), intercetta e riporta a Tripoli 148 persone in due separate operazioni. Fra loro 4 donne e un minore. Nazionalità: Egitto 48, Marocco 37, Etiopia 16, Bangladesh 15, Sudan 13, Eritrea 5, Algeria 5, Nigeria 4, Tunisia 3, Ghana 2.

 

4/02/2021

  • La “Guardia Costiera” libica (Ship Ubari), intercetta e riporta a Tripoli 118 persone. Fra loro 14 donne e 8 minori. Nazionalità: Mali 73, Guinea 26, Nigeria 6, Gambia 4, Liberia 3, Costa d’Avorio 2, Sudan 2, Senegal 1, Sierra Leone 1;

 

  • La “Guardia Costiera” libica (Ship Fezzan), intercetta e riporta a Tripoli 257 persone. Fra loro 29 donne e 14 minori. Nazionalità: Benin 12, Burkina Faso 7, Camerun 15, Chad 1, Gambia 11, Ghana 19, Guinea 56, Guinea Bissau 2, Costa d’Avorio 69, Liberia 2, Mali 27, Nigeria 18, Senegal 11, Sierra Leone 7;

 

  • In due operazioni di soccorso la Ocean Viking salverà 237 persone (121+116);
  • Nel mentre a Lampedusa si verificheranno tre sbarchi autonomi per un totale di 289 persone (99+48+142).

 

5/02/2021

  • In altre due distinte operazioni la Ocean Viking salverà altre 187 persone (71+116);
  • In altre due distinte operazioni la Astral salverà altre 119 persone (45+74);
  • La “Guardia Costiera” libica (PB P-300), intercetta e riporta a Tripoli 49 persone. Fra loro 2 corpi e 3 dispersi secondo quanto testimoniato dai sopravvissuti;
  • La “Guardia Costiera” libica (PB P-107), intercetta e riporta a Tripoli 30 persone;
  • La “Guardia Costiera” libica (ship Fezzan) intercetta e riporta a Tripoli 271 persone in diverse operazioni di salvataggio. Fra loro 31 donne e 12 minori.
  • La “Guardia Costiera” libica (ship Ubari), intercetta e riporta a Tripoli 108 persone. Fra loro 21 minori e 6 bambini. Non ci sono segnalazioni di vittime o dispersi. Nazionalità: Bangladesh 6, Benin 11, Burkina Fasu 1, Cameroon 21, Central Africa 3, Chad 6, Congo 2, Egitto 1, Gambia 5, Guinea 29, Costa d’Avorio 15, Liberia 1, Mali 63, Nigeria 28, Senegal 4, Sierra Leone 5, Somalia 12, Sudan 150, Tanzania 1.

 

6/02/2021

  • La “Guardia Costiera” libica (PB P-300), in due operazioni intercetta e riporta a Tripoli 208 persone (14 donne e 3 minori). Non ci sono segnalazioni di vittime o dispersi. Nazionalità: Sudan 48,, Senegal 49, Guinea 22, Mali 37, Costa d’Avorio 10,Marocco 8, Ghana7, Guinea Bissau 6, Burkina Faso 5, Sierra Leone 2, Somalia 2, Africa Centrale 2, Chad 1;
  • La “Guardia Costiera” libica (ship Fezzan), intercetta e riporta a Tripoli 94 persone. Fra loro 12 donne e 4 minori. Nazionalità: Nigeria 82, Ghana 5, Sierra Leone 2, Sudan 1, Cameron 1, Kenya 1, Liberia 1;
  • Nel mentre si verificano 2 sbarchi autonomi a Lampedusa (64+139) per un totale di 203 persone.

 

7/02/2021

  • La “Guardia Costiera” libica (ship Fezzan), intercetta e riporta a Tripoli 32 persone. Tra loro 3 famiglie libiche. Nazionalità: Libia 21, Egitto 9, Tunisia 2.

A questo triste bilancio, si dovranno poi aggiungere le centinaia di persone disperse, annegate e mai segnalate, di cui forse non conosceremo mai l’identità. Questo è il resoconto sterile e scoraggiante del fallimento delle politiche europee e delle scelte sbagliate del Governo italiano che, inevitabilmente, ricadono come macigni su persone, esseri umani dimenticati, usati ed abusati. A quattro anni dall’evidente fallimento dell’accordo Italia-Libia e a fronte di 785 milioni di euro stanziati per impedire gli arrivi sulle nostre coste, sono ancora migliaia le persone in fuga dalle guerre, dalle persecuzioni, dalla fame e da indicibili torture. Persone che, senza dubbio, non hanno altra alternativa. Ed è unicamente a loro che dovremmo pensare prima di istituire prossime-future alleanze.