Mediterranea riparte per la sua azione di monitoraggio e denuncia sulla rotta migratoria più letale al mondo.


La nave italiana Mare Jonio della Piattaforma della società civile Mediterranea è ripartita oggi per raggiungere le acque internazionali nel Mediterraneo Centrale dove svolgerà la sua attività di monitoraggio e testimonianza della drammatica situazione in quella che è diventata la frontiera più letale del mondo. “Continuiamo a difendere i diritti umani denunciandone la loro violazione”.
Le ONG Sea-Watch e Open Arms si uniranno all’operazione.
I dettagli della missione congiunta tra le due ONG e la nave della Piattaforma Mediterranea verranno resi noti in una CONFERENZA STAMPA DOMANI, VENERDÌ’ 23 NOVEMBRE ORE 15, PRESSO LA SALA DELLA STAMPA ESTERA A ROMA, VIA DELL’UMILTA’ 83.

Accredito presso la segreteria della Stampa Estera: [email protected]

Convocazione conferenza stampa Mediterranea 23.11-3