Incontro mondiale dei Movimenti Popolari con Papa Francesco. MEDITERRANEA partecipa: “Cospirazione del bene contro l’immutabile”


MEDITERRANEA Saving Humans parteciperà al prossimo incontro mondiale dei Movimenti popolari, che vedrà la partecipazione e l’intervento di Papa Francesco. L’incontro, che si terrà online domani, sabato 16 ottobre, riunisce moltissime realtà di lotta e di attivismo sociale da ogni parte del pianeta, in quella che è una vera e propria rete solidale e cooperante mondiale che al centro ha la battaglia per il cambiamento in favore di dignità, giustizia sociale ed eguaglianza.

Ambulanti, cartoneros, minatori, lavoratori e lavoratrici di mestieri marginalizzati e popolari, movimenti per il diritto alla casa, contadini e braccianti: sono questi i “profili” di tante situazioni di vita e lavoro, soprattutto nelle periferie marginalizzate delle città, che rappresentano una umanità in cammino verso una terra promessa che ha al centro i diritti degli esseri umani e non i profitti di un mercato globale che fa diventare sempre più ricchi i ricchi e sempre più poveri e numerosi i poveri.

Questa condizione imposta di vita, precaria e povera, sembrerebbe essere il destino ineluttabile per miliardi di persone, come di contro l’accumulazione di enormi ricchezze nelle mani di pochissimi, sembrerebbe caratterizzare l’unico mondo possibile.

Ma le lotte e la determinazione di un intero popolo planetario per conquistare migliori condizioni di lavoro, di esistenza, e di rispetto dei loro diritti non negoziabili di esseri umani, disegnano invece un orizzonte di un cambiamento non solo possibile ma necessario. È un popolo, questo dei movimenti planetari, in movimento: per questo MEDITERRANEA Saving Humans porterà il suo piccolo e umile contributo come testimone delle lotte alla frontiera. Quella del Mediterraneo centrale e della rotta balcanica, dove agiscono lə  suə attivistə, per mare e per terra al fianco di donne, uomini e bambini che ogni giorno sfidano la violenza e l’illegalità di istituzioni europee che vogliono impedire il loro diritto a una vita migliore.

Le persone migranti, in tutte le loro diverse e specifiche condizioni, ad ogni latitudine e in ogni angolo del pianeta, trovano ad aspettarli gli “eserciti del Faraone”: filo spinato, torture, campi di concentramento, uccisioni, sofferenze inflitti per tenerle ferme, prigioniere, per tentare di annientare i loro sogni, desideri, aspirazioni. Le loro speranze di una “terra promessa”.

MEDITERRANEA Saving Humans, umilmente, partecipa invece a questa “cospirazione del bene” contro ciò che sembra immutabile. Aprire un varco lungo i muri di filo spinato, supportare il popolo in cammino in ogni parte del mondo, equivale a riaffermare ogni giorno l’attualità dell’Esodo e della battaglia per la vita e contro la morte, da compiere contro gli eserciti del Faraone.

https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2021-10/papa-francesco-seconda-fase-incontro-movimenti-popolari.html