Don Mattia Ferrari: Le mafie libiche ci attaccano. Basta calunniare gli umanitari.


Riportiamo qui la lettera di Don Mattia Ferrari, cappellano di bordo, pubblicata oggi su L'Avvenire, 

In questi giorni è ricominciata la propaganda mediatica martellante che cerca di inculcare nella gente l’idea che le organizzazioni di soccorso che operano in mare collaborerebbero con i trafficanti di esseri umani, cioè con la mafia libica: come persona al centro di attacchi pubblici della mafia libica sono stato invitato a dire una parola chiara su quello che sta avvenendo, per ristabilire la verità: ringrazio il Vostro giornale per l’ospitalità.

L’accusa rivolta alle ONG di collaborare con i trafficanti, che non è mai stata dimostrata, è gravemente diffamatoria ed è oltremodo offensiva per noi che paghiamo nella nostra carne le conseguenze degli attacchi che la mafia libica ci rivolge proprio per il nostro lavoro. Non sono le ONG a collaborare con la mafia libica. Come hanno rivelato le inchieste giornalistiche di Nello Scavo pubblicate sul Vostro giornale, i superboss della mafia libica, citati in vari rapporti internazionali, Bija e Al-Khoja, si trovavano ai tavoli degli accordi Italia-Libia del 2017, con cui è stato organizzato il meccanismo dei presunti “salvataggi” operati dalla cosiddetta Guardia Costiera Libica, che sono in realtà respingimenti nei lager.

A distanza di 5 anni da quegli accordi, recentemente rinnovati, il potere dei superboss della mafia libica nei respingimenti e nei lager è addirittura aumentato: Bija è Maggiore della cosiddetta Guardia Costiera Libica di Zawyia, che appunto opera i respingimenti su finanziamento di Italia e Malta, e Al-Khoja è direttore del Dipartimento per il Contrasto all’Immigrazione Illegale, che gestisce una dozzina di centri di detenzione, ossia di lager, finanziati dall’Unione Europea. Su Twitter opera un account, qualificato sia nelle inchieste giornalistiche sia negli atti parlamentari come “portavoce della mafia libica”: tale account, oltre a pubblicare materiale per conto della mafia libica e delle milizie, ha pubblicato foto di velivoli militari europei e foto scattate con il cellulare di documenti “top secret” di apparati militari nostrani e ha attaccato pubblicamente alcuni di noi proprio per il nostro lavoro. Tutto questo è stato oggetto di interrogazioni parlamentari ed è tuttora oggetto di indagini di diverse Procure, tanto che, come è noto, in alcuni siamo stati posti dallo Stato sotto varie forme di tutela per la nostra incolumità.

MEDITERRANEA con la sua opera di contrasto dei respingimenti e di sostegno alle persone migranti che scappano dalla Libia disturba la mafia libica, che lucra sui respingimenti e sui lager, al punto che il “portavoce della mafia libica” ha deciso di attaccarci e siamo ancora in attesa che le autorità e le Procure facciano chiarezza sull’attività inquietante di questo account.

Chiediamo dunque, per rispetto della verità e della nostra condizione di persone che pagano le conseguenze di essere attaccate pubblicamente dalla mafia libica, che si ponga fine a questa propaganda diffamatoria e offensiva. Lo chiediamo soprattutto perché è stato dimostrato che eliminare le organizzazioni di soccorso in mare e sostenere i respingimenti favorisce proprio la mafia libica, offrendole in pasto i nostri fratelli e sorelle migranti. A tutti i cittadini chiediamo di non cedere alle sirene della propaganda che mistifica la verità e chiediamo soprattutto di vigilare sui propri cuori, perché rischiamo di trovarci davanti a una nuova ondata di una pandemia spirituale, quella della peste del cuore, che l’Arcivescovo Corrado Lorefice tre anni fa ha descritto così: “Dobbiamo stare attenti che può avanzare imperterrita seminatrice di morte la peste del cuore. La peste oggi è del cuore che smette di irrorare il sangue agli occhi perché riconoscano in ogni volto umano che abita una persona, il suo diritto ad essere riconosciuto come tale, sempre. La paura che esclude i detenuti, i disabili, i poveri, i diversi per cultura e religione, i profughi per fame e guerra. In ogni volto umano che abita l’unica casa comune che è il mondo, questo nostro pianeta parte dell’universo immenso uscito dalla parola creatrice di Dio onnipotente, uscito dal cuore immenso e paterno di Dio”.

Se cediamo alla peste del cuore, allora vinceranno la mafia libica, i lager, i muri e collasseranno la vita di molte persone e in definitiva la nostra stessa umanità: se ci chiuderemo nel nostro benessere fondato sullo sfruttamento del Sud del mondo e respingiamo chi bussa alla nostra porta, non saremo veramente più felici, ma sempre più tristi e vuoti. Se invece permettiamo all’amore di vincere, smettiamo di respingere e poniamo fine allo sfruttamento sociale e ambientale, costruendo davvero la civiltà dell’amore, allora vinceremo tutti, compresi quelli che ci criticano, perché quando a vincere è la fraternità universale realizzata non ci sono vincitori e vinti, ma solo la bellezza e la gioia di gustare quanto è bella la vita vissuta nell’amore. MEDITERRANEA e tante altre persone e organizzazioni me lo testimoniano costantemente.

Don Mattia Ferrari

Cappellano di Mediterranea Saving Humans