A cura di Sarita Fratini | 28 / giu / 2024

Caso Asso Ventinove. Il governo italiano e la nave condannati a risarcire i respinti

Storica sentenza sul Caso Asso Ventinove: La Libia non è un luogo sicuro e l’Italia deve risarcire le persone illegalmente deportate.

5 anni e due mesi sono passati da quando, nella primavera 2019, scoprii che il 2 luglio 2018 l’Italia aveva operato in segreto un gigantesco respingimento illegale di uomini, donne e bambini nei lager libici. Lo scrissi su questo blog. Iniziai ad indagare. Fondai il collettivo JLProject per indagare meglio.

Il Josi & Loni Project prende il nome da Josi, un ragazzo morto sul pavimento del lager libico di Zintan in seguito al respingimento e da Loni, un bimbo nato sul pavimento del lager di Trik al Sikka. Il 2 luglio 2018 Loni era ancora nella pancia della sua mamma, oggi ha cinque anni e ha vinto la causa contro chi ha deportato i suoi genitori e lo ha fatto nascere all’inferno. Nella sentenza è ben descritto come suo padre venne frustato perché non voleva separarsi da sua madre.

Dal Tribunale di Roma sono stati condannati:

• la Presidenza del Consiglio (governo Conte I),

• il Ministero della Difesa, retto allora da Elisabetta Trenta,

• il Ministero dei Trasporti di Toninelli

• il comandante Corrado Pagani della Asso Ventinove

• la società armatrice Augusta Offshore

Sono stati condannati a pagare immediatamente 15 mila euro a ciascuno dei 5 rifugiati che hanno fatto causa. La sentenza è esecutiva.

Torna alle notizie

Altri "Articoli e editoriali"

«Chi salva una vita
salva il mondo intero»

Soccorriamo l’umanità insieme, sostieni le nostre missioni nel Mediterraneo.

«Fai qualcosa di concreto
per la Pace»

Le nostre missioni in Ucraina hanno bisogno di te per aiutare la popolazione civile.

Seguici
lungo il viaggio!

Lasciaci i tuoi contatti per ricevere NAVTEXT, il nostro servizio aperto a tuttə di aggiornamento periodico sulle attività di mare e di terra.

Disclaimer

  • Dichiaro di aver preso visione dell’informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati.