A cura di Comunicato congiunto delle organizzazioni del soccorso civile in mare | 28 / ago / 2023

Gli Stati Membri dell’Unione Europea devono rimuovere immediatamente gli ostacoli alle operazioni di ricerca e soccorso della flotta civile nel Mediterraneo centrale

Nel giugno 2023, circa 600 persone hanno perso la vita in un ennesimo naufragio evitabile al largo delle coste greche. Come società civile siamo sconvolti dalle morti che si verificano ogni anno nel Mediterraneo centrale, ma potrebbero essere evitate. Nonostante ogni nave sia assolutamente necessaria per prevenire il numero sempre crescente di morti sulla rotta migratoria più mortale del mondo, gli Stati membri dell’UE – Italia in testa – ostacolano attivamente le operazioni civili di ricerca e soccorso.

Ad oggi Aurora, Open Arms e Sea-Eye 4, tre navi civili completamente equipaggiate per la ricerca e il soccorso (SAR), non possono operare in mare. I tre provvedimenti di fermo, emessi dalle autorità italiane in meno di 48 ore, si aggiungono al crescente numero di procedimenti amministrativi che le ONG SAR hanno dovuto fronteggiare quest’anno.

Dall’inizio del 2023, ci sono stati otto casi di fermo di navi ONG in Italia. Alle navi del soccorso civile Aurora, Geo Barents, Louise Michel, Mare*Go, Open Arms e Sea-Eye 4 è stato impedito di uscire in mare per 20 giorni, sulla base di decreto illegittimi. Sia Aurora che Sea-Eye 4 sono state bloccate per la seconda volta quest’anno.

Questi fermi hanno bloccato le navi delle ONG SAR per un totale di 160 giorni, nei quali avrebbero potuto essere impiegate per salvare persone su imbarcazioni in difficoltà e per prevenire i naufragi che si verificano quotidianamente nel Mediterraneo centrale.

21 agosto, Aurora a Lampedusa il giorno in cui è stata bloccata per 20 giorni
(Photo credits: Sea-Watch)

L’accanimento amministrativo si basa su un recente decreto¹ di uno Stato membro dell’UE come l’Italia che inasprisce i requisiti per le navi delle ONG che svolgono attività di ricerca e soccorso e introduce sanzioni in caso di inosservanza.

Le nuove misure fanno parte di una lunga storia di criminalizzazione e ostacolo alle attività di ricerca e soccorso civili in Italia. Applicando la legge, le autorità italiane ordinano alle navi SAR di dirigersi immediatamente verso il porto assegnato dopo un soccorso – anche in situazioni in cui vi siano casi aperti di imbarcazioni in difficoltà nelle vicinanze della nave ONG.

Ciò significa che la nuova legge nazionale fa pressione sullə comandanti della flotta civile affinché disobbediscano al diritto marittimo internazionale e all’obbligo di soccorso. Le autorità italiane stanno quindi di fatto limitando le operazioni di soccorso, in contrasto con l’obbligo di soccorso sancito dal diritto internazionale.

27 agosto, lo sbarco a Brindisi di Geo Barents a Brindisi, porto distante 5 giorni di navigazione dal luogo del soccorso
(Photo credits: Medici Senza Frontiere)

La situazione giuridica è aggravata dalla prassi del Governo italiano di assegnare “porti lontani”, imponendo alle navi ONG di sbarcare le persone soccorse in porti distanti fino a 1.600 km e a 5 giorni di navigazione dal luogo del soccorso. Secondo il diritto internazionale, lo sbarco delle persone soccorse in un luogo sicuro dovrebbe avvenire “non appena ragionevolmente possibile”, con “la minor deviazione possibile della rotta della nave” e il tempo che le persone soccorse trascorrono a bordo dovrebbe essere ridotto al minimo².

Tuttavia dal dicembre 2022, in più di 60 casi le autorità italiane hanno assegnato alle navi ONG un porto eccessivamente e inutilmente distante.

Inoltre, le autorità italiane hanno recentemente dato più volte istruzioni alle navi delle ONG di richiedere un porto sicuro in Tunisia per le persone soccorse in mare. A causa di gravi violazioni del diritto d'asilo dellə richiedenti asilo e nel mezzo di un’ondata di violenza contro le popolazioni migranti, la Tunisia non può essere considerata un Paese sicuro. Sbarcare le persone soccorse sulle sue coste sarebbe una violazione del diritto internazionale.

Le ONG che non hanno rispettato le richieste illegittime delle autorità italiane hanno ricevuto multe fino a 10.000 euro e le loro imbarcazioni sono state fermate per 20 giorni. Adesso tutte le ONG che svolgono attività di ricerca e soccorso in mare rischiano ulteriori multe e fermi.

Secondo la legge italiana, ripetere le violazioni porterà al sequestro delle imbarcazioni, con la conseguente definitiva cessazione delle attività.

La detenzione e il possibile sequestro delle navi delle ONG e l’assegnazione di porti lontani limitano le operazioni di soccorso delle navi. Sappiamo dall'esperienza delle restrizioni imposte dal Governo greco alle ONG di ricerca e soccorso nel settembre 2021, che gli ostacoli striscianti posti ora in Italia finiranno per ridurre il numero delle navi di soccorso civili attive e di conseguenza l’aumento di perdite di vite umane nel Mediterraneo.

Come organizzazioni non governative, associazioni e realtà che combattono in favore della protezione internazionale e per i diritti fondamentali delle persone in movimento, siamo statə testimoni della mortale politica di chiusura e criminalizzazione dell’UE.

Questa politica non diminuisce il numero di persone che cercano di attraversare il Mediterraneo, ma causa solo più sofferenza e morte. Mentre l’Italia – sostenuta dalla maggioranza silenziosa degli Stati membri dell’UE – ha messo in atto queste misure restrittive, il numero di naufragi mortali è aumentato drammaticamente, rendendo il 2023 già tra i più letali degli ultimi anni.

L’aumento dei naufragi rende ancora più evidente l’urgente necessità di ulteriori mezzi per la ricerca e il soccorso.

La spiaggia di Cutro, dopo il naufragio del 26 febbraio

Pertanto lanciamo un appello urgente all’UE e ai suoi Stati membri: se l’assistenza umanitaria in mare continuasse ad essere ostacolata, potremmo assistere entro la fine dell’anno ad una drastica riduzione o addirittura all’assenza di navi di soccorso civile in mare. Le conseguenze saranno ancora più letali, poiché limitare l'azione di soccorso civile non fermerà i tentativi di attraversare il mare delle persone.

Chiediamo quindi all’UE e ai suoi Stati membri di agire con urgenza e di fermare il blocco illegittimo delle navi del soccorso civile in Italia.

Tutte le navi SAR devono essere rilasciate immediatamente e le multe previste dalla legge devono essere annullate. La legge italiana che limita le attività di ricerca e soccorso delle ONG nel Mediterraneo centrale deve essere revocata immediatamente e al suo posto deve essere applicato il diritto internazionale del mare e il rispetto dei diritti umani come quadro giuridico di riferimento per tutti gli attori in mare.

La Commissione europea deve contrastare la crescente violazione dei principi fondamentali dello Stato di diritto da parte dei suoi Stati membri alle frontiere esterne dell’UE.

Inoltre, gli Stati dell’UE devono creare vie legali e sicure per evitare che le persone siano costrette ad imbarcarsi su imbarcazioni non idonee alla traversata.

¹ Decreto legge n. 1/2023, modificato dalla legge n. 15 del 24 febbraio 2023.

² Emendamenti del 2004 alla Convenzione internazionale sulla ricerca e il salvataggio in mare (1979), risoluzione MSC.155(78) dell’IMO, 3.1.9; risoluzione MSC.167(78) dell’IMO, 2004, 6.8.

Organizzazioni promotrici:

CompassCollective

EMERGENCY

iuventa-crew

Louise Michel

Maldusa

MARE*GO – Zusammenland UG

Médecins Sans Frontières

MEDITERRANEA Saving Humans

Mission Lifeline

Open Arms

ResQ – People Saving People

RESQSHIP

r42-SailAndRescue

Sea-Eye e. V.

Sea-Punks

Sea-Watch e.V.

SMH – Salvamento Marítimo Humanitario

SOS Humanity

SOS MEDITERRANEE

Firmatari:

United4Rescue

Alarm Phone

borderline-europe

PRO ASYL

Statewatch

Seebrücke

Human Rights at Sea

Lighthouse Relief

aditus foundation

I Have Rights.

La Cimade

Channel Info Project from l’Auberge des Migrants

Progetto Mem.Med

LasciateCIEntrare

Melitea

Convenzione per i diritti nel Mediterraneo

Abolish Frontex Roma

Stop Border Violence

Asmara’s World

Gisti (Groupe d’information et de soutien des immigré·e·s)

Seebrücke Frankfurt am Main P

asaje Seguro Cantabria

Medici del Mondo

Alarme Phone Sahara

Are You Syrious?

migration-control.Info Projekt

Lungo la Rotta Balcanica

Migreurop A

SGI Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione

Ärzte der Welt e.V. / Médecins du Monde Germany

#LeaveNoOneBehind

Europasilo

Associazione Don Vincenzo Matrangolo E.T.S.

MoCi A.p.s. Recosol (Rete delle comunità solidali)

Boza Fii ( Benn Kaddu – Benn Yoon )

Europe Must Act

Migrant Women Association Malta

SOS Malta

Blue Door Education

Torna alle notizie

Altri "Comunicati"

«Chi salva una vita
salva il mondo intero»

Soccorriamo l’umanità insieme, sostieni le nostre missioni nel Mediterraneo.

«Fai qualcosa di concreto
per la Pace»

Le nostre missioni in Ucraina hanno bisogno di te per aiutare la popolazione civile.

Seguici
lungo il viaggio!

Lasciaci i tuoi contatti per ricevere NAVTEXT, il nostro servizio aperto a tuttə di aggiornamento periodico sulle attività di mare e di terra.

Disclaimer

  • Dichiaro di aver preso visione dell’informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati.