30 / mar / 2022

Capitano ucraino di una nave cargo salva 32 persone dalla morte nel Mar Mediterraneo

L’armatore tedesco della KARINA chiama SEA-EYE 4 per un aiuto al largo della Libia — Il comunicato di Sea-Eye e.V.

Lunedì pomeriggio, il 28.03. 2022, l’equipaggio della nave mercantile KARINA, sotto il comando del capitano ucraino Vasyl Maksymenko, ha salvato 32 persone dall’annegamento, in fuga nelle acque internazionali al largo della Libia. La nave mercantile dell’armatore KLINGENBERG Bereederungs- & Befrachtungs GmbH & Co. La KG di Ellerbek, Comune a nord di Amburgo nella regione Schleswig-Holstein, era in viaggio da Malta a Bengasi quando ha ricevuto l’allarme, da parte della organizzazione umanitaria Alarm Phone, di una piccola imbarcazione in difficoltà. “La barca rischiava di capovolgersi. I passeggeri non sarebbero sopravvissuti. Le onde erano alte quattro metri. Non sarebbero stati in grado di arrivare da nessuna parte”, dice Vasyl Maksymenko, capitano della KARINA.

In quel momento la SEA-EYE 4 era a circa 50 ore di viaggio dal luogo dell’emergenza e dunque non era in condizione di fornire assistenza immediata. Tuttavia, la nave di salvataggio e il suo comando operativo sono stati coinvolti nella risposta a questa emergenza marittima, insieme a numerosi attori statali e non statali. A causa della drammatica emergenza, la SEA-EYE 4 ha contattato la nave mercantile KARINA e ha offerto assistenza. Allo stesso tempo, il comando della missione SEA-EYE 4 ha contattato la compagnia di navigazione della KARINA per segnalare la sua disponibilità ad aiutare.


L’armatore Thies Klingenberg si è subito reso conto della difficile situazione. “Non è la prima volta che salviamo persone nel Mediterraneo. Tuttavia, le nostre navi non sono attrezzate per fornire cibo e cure mediche ai naufraghi”, dice Klingenberg. Lunedì pomeriggio, la compagnia di navigazione e il capitano Maksymenko hanno chiesto aiuto a SEA-EYE 4. “Lo stato di bandiera di KARINA, Antigua e Barbuda, ha firmato la Convenzione di Ginevra sui rifugiati” ha scritto il capitano Maksymenko alla SEA-EYE 4. “Le persone devono essere portate in un luogo sicuro”, ha detto. “Un luogo sicuro è un luogo dove la vita dei sopravvissuti non è minacciata e dove i loro bisogni umani fondamentali possono essere soddisfatti. Questa condizione deve tenere conto della protezione dei loro diritti fondamentali. Per i rifugiati, questo significa che non devono essere rimandati in una zona di guerra. Questo vieta il ritorno dei rifugiati in Libia!” continua Maksymenko.

La KARINA e la SEA-EYE 4 hanno concordato un punto d’incontro e si sono incontrate a mezzogiorno di martedì, a circa 55 miglia nautiche dalla costa libica. Una squadra medica e l’ufficiale operativo della SEA-EYE 4 sono saliti a bordo della KARINA per valutare la situazione. Secondo le loro dichiarazioni, i migranti avevano resistito sulla loro barca di legno per almeno tre giorni. Di conseguenza alcune delle persone salvate sono stati messi in cura per ipotermia e disidratazione nell’ospedale di bordo. I capitani di entrambe le navi hanno valutato che la SEA-EYE 4 era la nave più adatta e più sicura per le 32 persone salvate. Di conseguenza, il comando Sea-Eye ha accettato di prenderle a bordo della propria nave.

“Abbiamo provviste sufficienti, alloggi e un ospedale di bordo in grado di accogliere in sicurezza un tale numero di persone per un breve periodo di tempo”, dice Gorden Isler, presidente di Sea-Eye e. V., la ONG tedesca di Regensburg che gestisce la SEA-EYE 4.
La SEA-EYE 4 è in possesso della certificazione “Rescue” rilasciata dalla sua società di classificazione, e la Guardia Costiera italiana ha confermato l’idoneità della SEA-EYE 4 per l’assistenza a breve termine fino a 200 persone, dopo gli adeguamenti tecnici nell’estate del 2021, se un porto sicuro può essere raggiunto in modo tempestivo per sbarcare i superstiti.

Nelle prossime ore, la SEA-EYE 4 farà rotta per Malta. “Malta è lo Stato membro dell’UE più vicino. Chiederemo un porto di sbarco lì”, ha detto Isler. Tuttavia, Malta ha chiuso da diversi anni i suoi porti allo sbarco di persone salvate in mare. L’ultima volta che una nave Sea-Eye è stata autorizzata a sbarcare a Malta le persone soccorse è stata nell’estate del 2019. Da allora, la politica di Malta nei confronti dei migranti è diventata sempre più restrittiva. “Vedremo ora se Malta si preoccupa tanto della Convenzione di Ginevra sui rifugiati quanto il capitano ucraino Maksymenko, che ha impedito un respingimento in una zona di guerra in violazione del diritto internazionale”, conclude Isler.


Link alla fonte: https://sea-eye.org/en/ukrainian-captain-saves-32-people-from-dying-in-mediterranean-sea/

Foto: Sea-Eye



Torna alle notizie

Altri "Comunicati"

«Chi salva una vita
salva il mondo intero»

Soccorriamo l’umanità insieme, sostieni le nostre missioni nel Mediterraneo.

«Fai qualcosa di concreto
per la Pace»

Le nostre missioni in Ucraina hanno bisogno di te per aiutare la popolazione civile.

Seguici
lungo il viaggio!

Lasciaci i tuoi contatti per ricevere NAVTEXT, il nostro servizio aperto a tuttə di aggiornamento periodico sulle attività di mare e di terra.

Disclaimer

  • Dichiaro di aver preso visione dell’informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati.