A cura di Comunicato Congiunto | 18 / set / 2023

Arrivi a Lampedusa - Solidarietà e resistenza di fronte alla crisi dell'accoglienza in Europa

In seguito all'arrivo di un numero record di persone in movimento a Lampedusa, la società civile esprime profonda preoccupazione per la risposta degli Stati europei in materia di sicurezza, per la crisi dell'accoglienza e ribadisce la sua solidarietà alle persone in movimento che arrivano in Europa.

Oltre 5.000 persone e 112 imbarcazioni: è questo il numero di arrivi registrati sull'isola italiana di Lampedusa martedì 12 settembre. Le imbarcazioni, la maggior parte delle quali arrivate autonomamente, provenivano dalla Tunisia o dalla Libia. In totale, dall'inizio dell'anno sono giunte sulle coste italiane oltre 118.500 persone, quasi il doppio rispetto alle 64.529 registrate nello stesso periodo del 2022¹. L'accumulo di numeri non ci deve far dimenticare che, dietro ogni numero, c'è un essere umano, una storia individuale e che le persone continuano a perdere la vita nel tentativo di raggiungere l'Europa.

Sebbene Lampedusa sia da lungo tempo una destinazione per le imbarcazioni di centinaia di persone che cercano rifugio in Europa, le strutture di accoglienza dell'isola sono carenti. Martedì, il salvataggio caotico di un'imbarcazione ha causato la morte di un bambino di 5 mesi, caduto in acqua e immediatamente annegato, mentre decine di imbarcazioni continuavano ad attraccare nel porto commerciale. Per diverse ore, centinaia di persone sono rimaste bloccate sul molo, senza acqua né cibo, prima di essere trasferite nell'hotspot di Lampedusa.

L'hotspot, un centro di primo filtro dove le persone appena arrivate vengono tenute lontane e separate dalla popolazione locale e pre-identificate prima di essere trasferite sulla terraferma, con i suoi 389 posti, non ha alcuna capacità di accogliere dignitosamente le persone che arrivano quotidianamente sull'isola. Da martedì, il personale del centro è stato completamente sopraffatto dalla presenza di 6.000 persone. Alla Croce Rossa e al personale di altre organizzazioni è stato impedito di entrare nella struttura per "motivi di sicurezza".

Giovedì mattina, molte persone hanno iniziato a fuggire dall'hotspot saltando le recinzioni a causa della situazione disumana che si stava vivendo. Nel frattempo, di fronte all'incapacità delle autorità italiane di fornire un'accoglienza dignitosa, la solidarietà locale ha preso il sopravvento. Molti abitanti si sono mobilitati per organizzare distribuzioni di cibo per coloro che si sono rifugiati in città².

Inoltre, diverse organizzazioni stanno denunciando la crisi politica in Tunisia e l'emergenza umanitaria nella città di Sfax, da cui parte la maggior parte dei barconi per l'Italia. In questo momento circa 500 persone dormono in piazza Beb Jebli, senza quasi nessun accesso a cibo e assistenza medica³. La maggior parte è stata costretta a fuggire da Sudan, Etiopia, Somalia, Ciad, Eritrea o Niger. Dopo le dichiarazioni razziste del presidente della Tunisia, Kais Saied, molti migranti sono stati espulsi dalle loro case e dai loro posti di lavoro⁴. Altri sono stati deportati nel deserto, dove alcuni sono morti di sete.

Mentre queste deportazioni di massa sono in corso e la situazione a Sfax continua a deteriorarsi, l'UE ha concordato tre mesi fa un nuovo accordo sulla migrazione con il governo tunisino, al fine di cooperare "in modo più efficace sulla migrazione", sulla gestione delle frontiere e sulle misure "anti-contrabbando", con una dotazione di oltre 100 milioni di euro. L'UE ha accettato questo nuovo accordo con piena consapevolezza delle atrocità compiute dal governo tunisino, compresi gli attacchi perpetrati dalle guardie costiere tunisine alle imbarcazioni dei migranti⁵.

Nel frattempo, osserviamo con preoccupazione come i diversi governi europei stiano chiudendo le porte e non rispettino le leggi sull'asilo e i più elementari diritti umani. Mentre il ministro degli Interni francese ha annunciato l'intenzione di rafforzare i controlli alla frontiera italiana, anche diversi altri Stati membri dell'UE hanno dichiarato di voler chiudere le porte. Ad agosto, le autorità tedesche hanno deciso di interrompere i processi di selezione dei richiedenti asilo che arrivano in Germania dall'Italia nell'ambito del "meccanismo di solidarietà volontaria"⁶.

Invitata domenica a Lampedusa dalla primo ministro Meloni, la presidente della Commissione europea Von der Leyen ha annunciato un piano d'azione in 10 punti che conferma questa risposta securitaria⁷. Rafforzare i controlli in mare a discapito dell'obbligo di soccorso, aumentare il ritmo delle espulsioni ed intensificare il processo di esternalizzazione delle frontiere... tutte vecchie ricette che l'Unione europea attua da decenni e che si sono rivelate fallimentari, oltre ad aggravare la crisi della solidarietà e la situazione delle persone in movimento.

Le organizzazioni sottoscritte chiedono un'Europa aperta e accogliente e sollecitano gli Stati membri dell'UE a fornire percorsi sicuri e legali e condizioni di accoglienza dignitose. Chiediamo che vengano presi provvedimenti urgenti a Lampedusa e che vengano rispettate le leggi internazionali che tutelano il diritto d'asilo. Siamo sconvolti dalle continue morti in mare causate dalle politiche di frontiera dell'UE e ribadiamo la nostra solidarietà alle persone in movimento!

Note:

¹ Reuters, “Italy’s Lampedusa island hit with record migrant arrivals”, 12 septembre 2023,

https://www.reuters.com/world/europe/italys-lampedusa-island-hit-with-record-migrant-arrivals-2023-09-12/

² Maldusa, “Lampedusa’s Hotspot System: From Failure to Nonexistence”, 14 septembre 2023 https://www.maldusa.org/l/lampedusas-hotspot-system-from-failure-to-nonexistence/

³ Déclaration “Urgence humanitaire au Gouvernorat de Sfax : la société civile tire la sonnette d’alarme face à une situation inacceptable”, 14 septembre 2023

https://euromedrights.org/publication/urgence-humanitaire-au-gouvernorat-de-sfax-la-societe-civile-tire-la-sonnette-dalarme-face-a-une-situation-inacceptable/

⁴ Migration-control.info-project, “Mass deportations and EU externalisation in Tunisia: Press Review and Critics”, 2 août 2023

https://migration-control.info/en/blog/mass-deportations-and-eu-externalisation-in-tunisia-overview-press-review-and-critics/

⁵ Alarm Phone, “Deadly policies in the Mediterranean: Stop the shipwrecks caused off the coast of Tunisia”, December 19, 2022, https://alarmphone.org/en/2022/12/19/deadly-policies-in-the-mediterranean/

⁶ La Repubblica, ” Migranti, da Berlino stop ad accoglienza dei richiedenti asilo dall’Italia”, 12 septembre 2023

https://www.repubblica.it/cronaca/2023/09/12/news/migranti_da_berlino_stop_ad_accoglienza_dei_richiedenti_asilo_dallitalia-414254801/?ref=RHLF-BG-I414254188-P2-S1-T1

⁷ Commissione europea, “Press statement by President von der Leyen with Italian Prime Minister Meloni in Lampedusa”, 17 settembre 2023

https://ec.europa.eu/commission/pres

Firmatariə:

Afrique-Europe-Interact

Alarme Phone Sahara (APS)

Alarme Phone Sahara - Mali

Alternative Espaces Citoyen - Niger

Anafé (association nationale d'assistance aux frontières pour les personnes étrangères)

Another Europe is Possible

ARCOM - association des réfugiés et communautés migrantes au Maroc

Are You Syrious?

Associazione studi giuridici sull'immigrazione (ASGI) 

Association AFRIQUE INTELLIGENCE

Association Beity

Association d'aide des Migrants en Situation Vulnérable (AMSV) Oujda / Maroc

Association des Etudiants et Stagiaires Africains en Tunisie (AESAT)

Association Féministe Tanit

Association Lina Ben Mhenni

Association de solidarité avec les travailleurS/euses immigré.es (ASTI) des Ulis / France

Association pour la promotion du droit à la différence (ADD)

Association pour les Migrants-AMI, Nîmes, France

Association Sentiers-Massarib

Association Tunisienne de défense des libertés individuelles (ADLI)

Association Tunisienne pour les droits et les libertés (ADL)

Aswat Nissa

Avocats Sans Frontières (ASF)

Association Damj 

BELREFUGEES, Plateforme Citoyenne / Belgium

borderline-europe- Menschenrechte ohne Grenzen

Boza Fii - Sénégal 

CCFD-Terre Solidaire 

CGTM Mauritanie

Chkoun Collective

Coalition des Associations Humanitaires de Médenine

Collectif Droit de Rester, Lausanne

Comité de Vigilance pour la Démocratie en Tunisie - Belgique

Comité pour le respect des libertés et des droits de l’homme en Tunisie (CRLDHT)

CompassCollective

Connexion

Damj l'association tunisienne de la justice et légalité

DZ Fraternité

Emmaüs Europe

European Alternatives 

Fédération des tunIsiens citoyens des deux rives (FTCR) 

Groupe de Recherche et d'Actions sur les Migrations (GRAM), Bamako / Mali

Groupe d'information et de soutien des immigré.e.s (Gisti)

iuventa-crew

Jeunesse Nigérienne au service du Développement Durable (JNSDD) - Agadez / Niger

Komitee für Grundrechte und Demokratie e.V.

La Cimade 

La coalition tunisienne contre la peine de la mort

LasciateCIEntrare 

Ligue Algérienne pour la Défense des Droits de l’Homme (LADDH)

Ligue des droits de l’Homme (LDH) - France

Ligue tunisienne des droits de l’homme (LTDH)

Maldusa

medico international 

MEDITERRANEA Saving Humans

Mem.med:mémoire Méditerranée 

Migrants’ Rights Network

migration-control.info project

Migreurop

MV Louise Michel

Paris d’Exil

Pro-Asyl

Push-Back Alarm Austria

r42-SailAndRescue

Refugees in Libya 

Refugees in Tunisia 

ResQ - People Saving People 

RESQSHIP

Salvamento Marítimo Humanitario (SMH)

Sea-Watch

Seebrücke - Schafft sichere Häfen 

Solidarité sans frontières (Sosf)

SOS Balkanroute

SOS Humanity

Statewatch

Tunisian Forum for Social and Economic Rights (FTDES) 

Union des travailleurs immigrés tunisiens (UTIT)

United4Rescue 

Vivre Ensemble | asile.ch

Watch the Med Alarm Phone 

Welcome to Europe network 

Zusammenland gUG/ MARE*GO

Torna alle notizie

Altri "Comunicati"

«Chi salva una vita
salva il mondo intero»

Soccorriamo l’umanità insieme, sostieni le nostre missioni nel Mediterraneo.

«Fai qualcosa di concreto
per la Pace»

Le nostre missioni in Ucraina hanno bisogno di te per aiutare la popolazione civile.

Seguici
lungo il viaggio!

Lasciaci i tuoi contatti per ricevere NAVTEXT, il nostro servizio aperto a tuttə di aggiornamento periodico sulle attività di mare e di terra.

Disclaimer

  • Dichiaro di aver preso visione dell’informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati.